Caricamento...

Prova homepage – shortcode

Prova homepage – shortcode2016-12-29T08:36:42+00:00

File 23-05-16, 21 33 15

Il tuo 5×1000 alle Associazioni per la Casa

Dona il 5X1000 per la casa
Da quest’anno, attraverso la dichiarazione dei redditi, è possibile devolvere il 5×1000 alle associazioni che lavorano quotidianamente per offrire un contributo concreto alle famiglie che soffrono un disagio abitativo.
Nell’apposito spazio indica il codice fiscale di una delle due strutture attualmente accreditate:
97748500150 Casa & Diritti di Milano
90044480474 Il Ponte di Pistoia

Treviso. Cgil, Spi Cgil e Sunia trevigiani pongono i bisogni abitativi sul tavolo dei candidati alle elezioni regionali del Veneto

|Categorie: notizie dalle regioni|tag = , , |

Treviso, 15 Settembre 2020 In vista delle imminenti elezioni regionali CGIL, SPI CGIL e SUNIA di Treviso hanno sottoposto ai candidati alla Presidenza e al Consiglio della Regione Veneto un documento sulle tematiche del [...]

abitare

Vademecum Cgil, Sunia, Udu: ‘”Abitare” per gli studenti universitari fuori sede’

Circa 600.000 studenti universitari sono fuori sede, si stabiliscono in altre città della propria o di altre regioni affrontando spese che incidono pesantemente sui redditi delle famiglie. Essere fuori sede in questo momento di crisi economica è sempre più difficile e rischia di diventare una condizione riservata a sempre meno studenti. E’ quanto elaborato dall’Ufficio Politiche abitative della Cgil nazionale, dal SUNIA e dall’UDU nel vademecum ”’Abitare’ per gli studenti universitari fuori sede”.

– visualizza la pubblicazione in pdf

abitarexstranieriVademecum Cgil, Sunia, Udu: ‘”Abitare” per gli stranieri’

… il tema del disagio abitativo per i cittadini stranieri risulta molto articolato. A condizioni riguardanti persone in particolare emergenza (richiedenti asilo, rifugiati, immigrati irregolari) i quali, per evidenti ragioni soprattutto di ordine economico, tendono a concentrarsi, per il loro insediamento abitativo, nelle periferie e in aree urbane anche centrali ma degradate, con forti problemi di integrazione, si affiancano le situazioni di tutti i nuclei familiari di stranieri stabilmente inseriti nel nostro Paese.

– visualizza la pubblicazione in pdf

Torna in cima