Milano, 23 aprile 2024

L’11 gennaio 2024 la Giunta del Comune di Milano con una delibera (28/2024) ha avviato la collaborazione con INVIMIT sgr per istituire fondi di investimento a cui conferire il suo patrimonio immobiliare di edilizia pubblica

– il volantino e il modulo per la raccolta firme

Non si tratta dell’ennesimo cambio di gestione del patrimonio del Comune di Milano (che resterebbe a MM spa) ma di UN VERO E PROPRIO PASSAGGIO DI PROPRIETÀ che attraverso INVIMIT passerebbe ai fondi di d’investimento.
INVIMIT è una società che, seppur di proprietà del Ministero delle Finanze, è di diritto privato ed opera in ottica e con logiche di mercato.

I FONDI D’INVESTIMENTO non sono opere di beneficenza, ma devono garantire il rendimento annuale programmato, ossia devono guadagnarci.
L’INTERO PATRIMONIO COMUNALE SAREBBE DUNQUE MESSO A RENDITA, con il rischio che gli inquilini paghino costi sociali altissimi e che l’Amministrazione Pubblica ne perda nei fatti il controllo anche se dovesse mantenere quote rilevanti dei fondi.
IL COMUNE NON RISPONDE ALLE DOMANDE DEI SINDACATI INQUILINI C’è sicuramente di che preoccuparsi, anche per come il Comune sta conducendo tutta l’operazione, con poche informazioni e nessun coinvolgimento della cittadinanza, degli inquilini e delle organizzazioni sindacali.

• In queste condizioni quali garanzie possono avere gli inquilini coinvolti in programmi di vendita o di ristrutturazione dei quartieri con mobilità forzosa?
• E gli inquilini, in particolare i più fragili, che si trovano in una condizione di morosità incolpevole o hanno in corso contenziosi che si trascinano da anni per debiti veri o presunti?
• E quali risposte verranno date alle migliaia di famiglie che ogni anno fanno domanda per una casa popolare o a quelle che da anni aspettano un cambio alloggio?

CHIEDIAMO

al Sindaco Sala, all’Assessore Maran di interrompere questo percorso e di aprire un confronto vero nella Città, coinvolgendo gli inquilini delle case comunali, i Municipi, i Sindacati, le Associazioni che operano nelle periferie per migliorare la vita nei quartieri popolari senza stravolgere la funzione sociale dell’edilizia pubblica e creare costi e disagi aggiuntivi a un inquilinato già in grave difficoltà.

VI TERREMO INFORMATI SULLE INIZIATIVE DI LOTTA PER CONTRASTARE OGNI FORMA DI PRIVATIZZAZIONE DELL’EDILIZIA PUBBLICA

Gli allegati:
– il volantino e il modulo per la raccolta firme