Milano, 17 giugno 2022

Ad oggi circa 700 famiglie negli alloggi di Milano e hinterland con contratti scaduti o in scadenza da rinnovare.

Il giorno 22 giugno i Sindacati Inquilini Sunia, Sicet e Unione Inquilini, incontreranno Investire S.g.r., società che gestisce i diversi immobili ex Enpam – Ente Nazionale di previdenza e assistenza dei medici e degli odontoiatri – e i rappresentanti dei Fondi immobiliari che hanno acquistato il patrimonio residenziale nella Città Metropolitana di Milano.
I Sindacati degli Inquilini, subito dopo aver appreso che le case dell’ex Enpam erano confluite in un Fondo, avevano tempestivamente chiesto un incontro, con l’obiettivo di aprire un tavolo di confronto ove poter discutere del futuro degli inquilini in affitto da anni in quegli stabili e concordare per loro tutte le forme di tutela.
Di fronte alle lettere di disdetta in cui la nuova Proprietà invita gli inquilini con contratto in scadenza nel 2022 al rilascio degli alloggi ed ai mancati rinnovi dei contratti già scaduti i Sindacati Inquilini avevano, inoltre, da subito informato e tenuto costantemente aggiornati anche i Comuni di Milano, Vimodrone e Basiglio rappresentando la grave preoccupazione degli abitanti molto spesso anziani residenti nello stesso quartiere da decenni e famiglie in condizioni di fragilità economica.
Ad oggi sono circa 700 gli inquilini di Milano e hinterland che hanno contratti scaduti o in scadenza da rinnovare. Si tratta di famiglie che non possono accedere al mercato privato visti i costi dell’affitto insostenibili per i loro redditi né potrebbero procedere all’acquisto della casa a valori di mercato se venisse loro offerta questa possibilità.
Ai Fondi Immobiliari, come già avanzato a Enpam in fase di vendita, chiederemo il rinnovo dei contratti di affitto, la stipula di nuovi contratti per gli inquilini che li hanno già scaduti e forme di tutela per quelli in condizione di difficoltà e fragilità.